Mascellani, Marino, (Scalabrino)

  • Pseudonimo, nome assunto

    Scalabrino

  • Luogo di nascita

    Massa Fiscaglia (FE)

  • Biografia

    Comandante del distaccamento Guerra della brigata Jori, dislocato a Capanne di Carrega, durante il rastrellamento dell’agosto 1944 è impegnato nella difesa del monte Prelà. Il 22 ottobre 1944 Scalabrino penetra con una pattuglia in un accampamento alpino a Gorreto, catturando diciassette prigionieri e facendo un buon bottino di armi automatiche: l’operazione merita un encomio da parte del Comando VI Zona. Il suo distaccamento è tra i più attivi nell’opera di pressione e logoramento esercitata nei confronti del battaglione Vestone della divisione Monterosa che, il 4 novembre, passa quasi al completo nelle file della 3a divisione Cichero. Un’altra azione di rilievo è quella effettuata il 24 febbraio 1945, insieme ad effettivi di altre squadre della Jori e della Severino, contro una pattuglia formata da oltre trenta soldati germanici del presidio di Torriglia che, superata la galleria di Buffalora, stavano dirigendosi in bicicletta a Rovegno: l’attacco partigiano porta al ferimento e alla cattura di alcuni tedeschi. Nei giorni della liberazione di Genova, Scalabrino concentra il proprio distaccamento contro un nucleo di resistenza organizzato alla Foce dai tedeschi, arresisi dopo aver ottenuto l’onore delle armi.