Una casa per Ezio Bosso.
L’archivio, i progetti

_Roma, Auditorium Parco della Musica 19 12 2019 Orchestra dell'AccademiaNazionale di Santa Cecilia in prova, Ezio Bosso direttore. ©Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia Foto Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Il fondo del maestro Ezio Bosso è stato depositato dai familiari alla Fondazione Istituto piemontese A. Gramsci a gennaio del 2022.
È costituito da un nucleo di materiali analogici provenienti dalle abitazioni di Bologna, Londra e Torino: oggetti e documentazione afferente alla carriera musicale, ad eventi pubblici e a progetti, fotografie, corrispondenza, spartiti e materiali di studio, premi ed onorificenze, doni dei fans, capi di abbigliamento indossati nelle apparizioni pubbliche, opere artistiche a lui dedicate. A questo si aggiungerà progressivamente l’insieme della documentazione digitale in via di raccolta.
Partendo da questa base descrittiva sarà possibile ripercorrere le tappe della vita e della musica di Ezio Bosso, dagli inizi della carriera ai grandi momenti pubblici che lo hanno fatto diventare la persona – e non un personaggio, come lui precisava – famosa, indimenticabile e amata in tutto il mondo per la sua musica e per il suo insegnamento attraverso la musica.
Il complesso nella sua dimensione digitale (oggetti digitali, digitalizzati e metadati descrittivi) trova spazio nella piattaforma 9centRo, per una piena fruizione pubblica della memoria e dell’attività del maestro, come è desiderio della famiglia.

Guarda il video di presentazione e la conferenza stampa del 30 marzo 2022

Il Museo Leone di Vercelli pubblica su 9centRo l’Epistolario dei fratelli Garrone

Il Museo Leone di Vercelli pubblica su 9centRo l’Epistolario dei fratelli Garrone

L’Archivio di Stato di Torino approda su 9centRo

L’Archivio di Stato di Torino approda su 9centRo

C.R.E.O. entra in 9centRo. Presentato il Fondo sonoro Antonio Adriano

C.R.E.O. entra in 9centRo. Presentato il Fondo sonoro Antonio Adriano

Nuovo percorso: “Primo Levi, il centauro”

Nuovo percorso: “Primo Levi, il centauro”