Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci di Torino

Associazione Emilio Pugno

Fondo
  • CRONOLOGIA* E ALTRE DATAZIONI

    • Definizione cronologica 1943 - 2006
    • Datazione * 1943 - 2006
    • Note alla cronologia Datazione calcolata
    • Definizione cronologica 1943 - 2006
    • Datazione * 1943 - 2006
    • Note alla cronologia Datazione calcolata
    • Definizione cronologica 1943 - 2006
    • Datazione * 1943 - 2006
    • Note alla cronologia Datazione calcolata

  • Storia archivistica

    All’arrivo del materiale al Polo del 900 nel giugno del 2016 si è operata una scrematura del materiale relativo all’attività dell’associazione che si presentava sparso in centinaia di cartelline e faldoni, in parte ridondante e mischiato con il materiale documentario raccolta dall’associazione sul percorso di Pugno. Il materiale relativo alle attività dell’associazione è stato quindi riorganizzato in quattro fascicoli ordinati cronologicamente (2-5), a questi si aggiungono sette fascicoli che corrispondevano ad altrettanti cassetti presenti nella prima sede dell’associazione (6-13) e un faldone di materiale miscellaneo (14). I documenti relativi ai criteri di conservazione prima dell’arrivo al Polo del 900 sono stati raccolti nel fascicolo 1 mentre gli inventari redatti prima dell’arrivo al Polo sono nei faldoni 15 e 16.
    Non avendo lasciato Emilio Pugno che pochissime tracce documentarie e memorialistiche, fin da subito uno degli obiettivi dell’Associazione è stato quello di ricostruirne la traiettoria politica e sindacale attraverso i documenti e le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Dal 1996 l’Associazione comincia quindi un lavoro d’inchiesta inizialmente attraverso un questionario esplorativo, inviato in due fasi ad amici e colleghi di Pugno, e in seguito con una serie d’interviste in profondità. La scelta di raccogliere la voce di coloro che hanno incontrato Pugno durante la sua lunga la militanza politica e sindacale è dettata da contingenze documentarie ma si rivela anche particolarmente azzeccata per rendere conto di una storia mai raccontata e fondamentalmente olistica, in cui la somma di « piccoli fatti con grandi significati », per usare le parole di Oddone, va bel oltre il risultato degli addendi. Come viene illustrato nella lettera che accompagna il questionario inviato agli intervistati, Emilio Pugno è un rappresentante paradigmatico di questa storia non scritta, « la rappresenta perché le cose fondamentali di quel periodo le ha fatte (…) in un approccio globale al nuovo mondo che si doveva costruire che comprendeva “tutto” ». Dal 1998 l’associazione ha iniziato anche una raccolta sistematica di documenti cartacei, fotografici e audiovisivi capaci di rendere conto del contesto in cui si è dispiegata l’azione sindacale e politica di Pugno. Tutto il materiale è raccolto nei faldoni dei VETTORI.
    All’arrivo al Polo del 900 è risultato che una buona parte degli inventari del materiale raccolto nei VETTORI è andata perduta e di altri ne esisteva soltanto una versione cartacea, mentre per alcuni documenti non esisteva inventario di sorta. Si è quindi provveduto a ricostruire e completare gli inventari mantenendo la stessa numerazione e organizzazione del materiale nell’obiettivo di rispettare la volontà del soggetto proprietario del fondo.

  • Descrizione

    Il sottofondo contiene i materiali raccolti o prodotti nel quadro dell'attività dell'Associazione. I fascicoli da 1 a 14  raccolgono i documenti legati al funzionamento corrente dell'Associazione (corrispondenza, contabilità, inventari, materiale promozionale, etc.).
    I faldoni da 17 a 39 comprendono il materiale raccolto dall'Associazione sulla vita sindacale e politica di Pugno fino all'arrivo al Polo del 900. Numerati secondo l’ordine di acquisizione dei documenti da parte dell'Associazione e in seguito organizzati in cerchi concentrici (denominati VETTORI) rispetto all’epicentro della vita del sindacalista, costituiscono la parte più cospicua del patrimonio documentario dell’Associazione.
    Il criterio di classificazione è il seguente:

    VETTORE 1: raccoglie documenti e testimonianze che vertono direttamente sulla vita personale e politica di Pugno
    VETTORE 2: raccoglie documenti e testimonianze che riguardano personaggi coevi a Pugno
    VETTORE 3: raccoglie documenti e testimonianze che sui luoghi di lavoro e i contesti attraversati da Pugno
    VETTORE 4: raccoglie documenti che coprono il periodo di attività politica di Emilio Pugno.

    È da segnalare che non tutti i documenti schedati sono fisicamente presenti nelle buste, è il caso in particolare di numerosi volumi di cui non è stata inserita che la riproduzione della copertina o di poche pagine.
    Fanno parte di questo primo nucleo anche due faldoni che raccolgono del materiale preparatorio per la la biografia di Emilio Pugno redatta con il sostegno dell’associazione (40-40bis), due faldoni di giornali di fabbrica che coprono essenzialmente il periodo in cui Pugno è segretario generale della Fiom torinese (41-42), materiale legato al tema della mobilità a Torino (43-45), un fascicolo con alcuni giornali raccolti da Pugno durante un viaggio a Cuba (46), due fascicoli di su temi sindacali (47-48), numerosi fascicoli contenenti documenti su temi legati all’assistenza sanitaria a cavallo tra gli anni '70 e '80 (53-63) e altro materiale. Grazie al sostegno dell’Associazione è stato anche realizzato un volume sulla carriera di consigliere comunale di Sergio Garavini, storico amico di Pugno, di cui esiste una prima bozza e del materiale preparatorio (49-51). È sempre grazie al sostegno dell’Associazione che ha potuto vedere la luce un libro sulla carriera sindacale di Piero Frasca di cui si conserva una prima bozza (52).
     
     

  • Modalità di accesso

    La consultazione è soggetta alla normativa vigente in ambito di Beni Culturali e trattamento dei dati personali. Sono altresì rispettati eventuali vincoli specifici dettati dai depositari e le condizioni di conservazione dei documenti.


Per informazioni e consultazione scrivere a:

archivio.biblioteca@polodel900.it